Non ha più commesse di lavoro, imprenditore edile si spara in testa.

Suicidio, Campiglione FienileHa scritto una lettera indirizzata alla moglie di 32 anni e alle sue bambine di 11 e cinque anni e poi si è sparato un colpo di pistola in testa nel tardo pomeriggio di sabato 19 agosto 2018.
Un piccolo imprenditore edile, italiano di 40 anni, residente a Campiglione Fenile, ha deciso di farla finita nell’appartamento di via Daniela 3 dove abitava con la famiglia. 
“Così non posso più andare avanti. Ho troppi debiti, il mio lavoro mi ha tradito”, ha scritto. Era rimasto senza commesse e non sapeva come tirare avanti. Eppure ai familiari non aveva detto nulla, raccondando sempre di avere “tanto lavoro”. Ha lasciato tutto in quella lettera.
Sull’accaduto indagano i carabinieri. L’arma era regolarmente registrata e detenuta.Fonte: Torino Today

Commenta tramite Facebook
Presidente e Fondatore
Domenico Panetta

Consiglieri
Andrea Panetta
Gemma Di Salvo
Maurizio Gustinicchi

Responsabile attività esterne
Daniela Moscarino

Responsabile spettacolo Fino al Cielo Risuona
Alessia de Bortoli
Responsabile ufficio stampa
Segreteria Nazionale
Dott.ssa Roberta Bruzzone (Criminologa)
Barbara Benedettelli (Scrittrice)
Carmine Faraco ( artista di made in sud)
Mario Furlan (Fondatore City Angels)
Alessia Giovagnoli (Ex Gf)
Regina Salpagarova (Modella)
Euridice Axen (Attrice)
Manuela Zero (Attrice)