Cos’è lo Stato di Roberto Nardella

Premessa
Cos’è lo Stato?
Definirei Stato quell’entità giuridica in grado di essere autodeterminata ed in grado di provvedere ai bisogni primari e secondari dei propri cittadini, dotato di una propria costituzione, di leggi proprie, di una propria banca centrale e di una propria moneta.
L’Italia, adottando l’€uro e rispondendo a leggi sovranazionali, non è più uno Stato come da me descritto sommariamente ma è piuttosto un’impresa privata che al posto dei cittadini ha dei clienti.

Lo Stato prima spende e poi paga.
Perché?
Perché investendo ciò che non ha genera ricchezza diffusa che attiva il famoso volano della crescita (moltiplicatore keynesiano).
(Come pensate sia stato avviato il piano Marshall?)

Fatti
Lo Stato non può fallire. MAI!
Lo Stato è in grado di immettere liquidità infinita nel sistema economico nazionale.
Il tanto vituperato “debito pubblico” è il comune denominatore di TUTTI i paesi avanzati.
Non importa la quantità di debito pubblico o il rapporto debito pubblico PIL di uno Stato ma la garanzia che quel debito venga onorato.
Lo Stato deve puntare esclusivamente alla sostenibilità del debito pubblico e ha infiniti modi per farlo.
Tutto il debito pubblico di uno Stato potrebbe sparire in un attimo: il min. del tesoro stampa un unico certificato di debito di 2400 miliardi e lo vende alla banca centrale nazionale che lo monetizza e col ricavato liquida chi detiene le obbligazioni
(i prestatori).
Sarebbe tutto PERFETTAMENTE legale.
Ma anche PERFETTAMENTE inutile poiché NON necessario se il tuo debito pubblico è SOSTENIBILE.
Ecco perché si dice che il debito pubblico è IMPAGABILE.

Volete un esempio?
Ritenete che la Gran Bretagna sia uno Stato come da me sommariamente descritto?
Bene!
La GB ha avviato da circa un decennio il riacquisto SISTEMATICO del proprio debito pubblico in scadenza mediante il famoso Quantitative Easing QE.
(Il nome QE è un diversivo, giusto per non farvi capire un razzo.)
Tutt’oggi il QE britannico ha un impiego annuo complessivo di 435 miliardi di sterline.
In pratica nell’ultimo triennio la BoE (banca centrale britannica) ha fatto letteralmente “sparire” 1305 miliardi di sterline di debito pubblico.
Ovvero, lo Stato britannico non ha rinnovato o immesso nuovo debito pubblico per un controvalore di 1500 miliardi di euro, oltre i tre quinti del nostro MOSTRUOSO e IMPAGABILE debito pubblico.

Misfatti
L’italia non è più uno Stato ma un’impresa e le imprese possono FALLIRE.
Il fallimento implica il SEQUESTRO dei beni in solido sino alla liquidazione di qualsiasi debito contratto.
Ciò significa che il capitale in solido confiscabile dell’impresa Italia sono i beni in solido di TUTTI gli italiani.

Questo è quanto.
Siete tristi?
Ok, lo sono anch’io.
Però adesso siete consapevoli.
Dai politici che ci rappresentano DOBBIAMO pretendere l’impossibile: tornare ad essere STATO così come sommariamente descritto.

Roberto Nardella.

Commenta tramite Facebook
Presidente e Fondatore
Domenico Panetta

Consiglieri
Andrea Panetta
Gemma Di Salvo
Maurizio Gustinicchi

Responsabile attività esterne
Daniela Moscarino

Responsabile spettacolo Fino al Cielo Risuona
Alessia de Bortoli
Responsabile ufficio stampa
Segreteria Nazionale
Dott.ssa Roberta Bruzzone (Criminologa)
Barbara Benedettelli (Scrittrice)
Carmine Faraco ( artista di made in sud)
Mario Furlan (Fondatore City Angels)
Alessia Giovagnoli (Ex Gf)
Regina Salpagarova (Modella)
Euridice Axen (Attrice)
Manuela Zero (Attrice)